Chi siamo

La Convenzione ONU dei Diritti delle Persone con Disabilità ha dato una spinta iniziale alla creazione di un’equipe sempre più eterogenea, creando una squadra in continua formazione che ha allargato i suoi orizzonti a diversi tipi di vulnerabilità. L’inclusione, l’apprendimento informale, la costruzione di una percezione di adultità supporta le persone nella loro crescita e nella loro autodeterminazione.

Chi lavora con noi, i volontari e ogni associato condivide e conferma dei valori importanti per la vita indipendente, e conferma che la possibilità di costruire insieme una società inclusiva esista.

La nostra vision

Noi di Si può fare crediamo in un mondo in cui la disabilità non sia un limite. Un mondo che non si occupa di diminuire o abbattere i limiti dovuti all’ambiente circostante delle persone con difficoltà è esclusivo, e non inclusivo, mostra la disabilità come condizione emergente da più fattori, non soltanto quelli biologici ma anche quelli sociali, comprendenti le discriminazioni nei confronti degli individui aventi diverse funzionalità fisiche, cognitive ed intellettive.

Società inclusiva

Pari opportunità e trattamento

La disabilità non è un limite

La capacità di autodeterminazione è alla base della dignità della persona

Noi di Si può fare lottiamo per l’applicazione dei diritti, per una società inclusiva, per dare la possibilità a ogni persona maggiorenne di riconoscersi come cittadin* adult*.  Esigiamo la parità di opportunità e di trattamento.

La nostra associazione è composta da persone, professionisti e volontari che condividono una visione comune

Membri dell'equipe

Soci

Unità abitative

La nostra storia

L’Associazione, fondata da pochi amici con grandi sogni, ha iniziato nel 2012 a realizzare percorsi di autonomia per giovani con disabilità intellettive.

Negli anni successivi ha visto persone entrare uscire e passare dal proprio team, ognuna di queste ha dato un apporto fondamentale per arrivare all’attuale modello di Progetto di Vita Indipendente utilizzato dall’associazione, verso i diversi target. Si è costruito, così, un modello di reale inclusione, integrazione e di sviluppo dell’autodeterminazione per le persone con vulnerabilità.

Le Raffinerie Sociali

Cosa sono le Raffinerie?
Le Raffinerie Sociali sorgono in uno spazio pubblico concesso in condivisione ad un gruppo di enti non profit che si occupano di fasce marginalizzate della popolazione, e hanno quindi ricreato insieme un luogo dedito all’inclusione e all’accoglienza di tutt*

Cosa si trova alle Raffinerie? 
Ci sono sale e uffici, una cucina spaziosa, una micro-fattoria gestita dagli abitanti del quartiere e un orto urbano dedicato alla cittadinanza.   

Il nostro team

Paola Finzi

Paola Finzi

Psicologa e Presidente SPF

Fondatrice dell’Associazione, si occupa in particolare del coordinamento dei Progetti di Vita Individuali dei soci dell’ente, supervisiona l’equipe multidisciplinare, referente delle relazioni esterne.

Contatta via Mail

Cristina Becchio

Cristina Becchio

Vice-presidente SPF

Laureata in Amministrazione Aziendale, da anni imprenditrice, co-fondatrice dell’Associazione, si occupa principalmente della raccolta fondi dell’ente, della sua comunicazione verso l’esterno e delle risorse umane.

Contatta via Mail

Francesca Galeazzi

Francesca Galeazzi

Segretaria e Tesoriera SPF

Responsabile Project Management. In continua formazione universitaria e con titoli di mediatrice interculturale, ha costruito il suo ruolo poliedrico con ogni persona all’interno dell’Associazione. 

Contatta via mail

Juana Santiago

Juana Santiago

Coordinatrice educativa

Andrea Lo Prinzi

Andrea Lo Prinzi

Educatrice

Daniele Pennavaria

Daniele Pennavaria

Responsabile Baraccone13

Arianna Lagioia

Arianna Lagioia

Responsabile Segreteria

Irene Marchio

Irene Marchio

Educatrice

Marianna Piovano

Marianna Piovano

Educatrice Junior

Gabriele Matassa

Gabriele Matassa

Responsabile area Sociale

Alice Pierro

Alice Pierro

Educatrice